Essere comunità, tra Agorà e Agape.

105.(FT) L’individualismo non ci rende più liberi, più uguali, più fratelli. La mera somma degli interessi individuali non è in grado di generare un mondo migliore per tutta l’umanità. Neppure può preservarci da tanti mali che diventano sempre più globali. Ma l’individualismo radicale è il virus più difficile da sconfiggere. Inganna. Ci fa credere che tutto consiste nel dare briglia sciolta alle proprie ambizioni, come se accumulando ambizioni e sicurezze individuali potessimo costruire il bene comune.

L’esperienza delle comunità è la risorsa da cui vogliamo partire per costruire l’esperienza formativa. Una comunità che accoglie, una comunità che progetta, una comunità che si fa carico delle difficoltà, una comunità che condivide, una comunità che sostiene, una comunità che forma, una comunità che si trasforma. In una parola: una comunità che AMA.

Come far diventare il dono della nostra “Comunità” la risorsa preziosa che da valore e durata al nostro progetto di impresa.

Continua a leggere la proposta.

Luogo: Seminario regionale Molfetta – Puglia

Data: 9 -12 settembre

Quota: 120,00 €

Partecipanti:  massimo 20

Iscrizioni entro il 15 luglio

Per le pre-iscrizioni referenteprogettopolicoro@agesci.it

Nessun commento a "Essere comunità, tra Agorà e Agape."

    Rispondi

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    I commenti sono moderati.
    La moderazione potrà avvenire in orario di ufficio dal lunedì al venerdì.
    La moderazione non è immediata.
    I tuoi dati personali, che hai fornito spontaneamente, verranno utilizzati solo ed esclusivamente per la pubblicazione del tuo commento.